Prosegue la nostra rassegna di articoli dedicati alla pandemia in corso, con questo testo il cui titolo e’ : Virus a confronto in palcoscenico. In questo caso abbiamo approfittato della vena artistica del nostro medico volontario Dott. Giuseppe Parasiliti che ha saputo creare un testo scherzoso ma scientificamente corretto pur nella sua realta’ fantastica. Si tratta di una sceneggiatura teatrale divisa in due parti.

Virus a confronto in palcoscenico
Photo by Paolo Chiabrando on Unsplash

Premessa

Nella sua veloce corsa verso Occidente, senza incontrare ostacoli di alcun genere, un coronavirus, che molto presto tutti conosceranno come covid-19, ha creato scompiglio fra la popolazione del mondo.

Ha seminato malattia e morte, danni economici incalcolabili, ha costretto gli umani a cambiare repentinamente il modo di vivere, ha ingolfato pesantemente la loro vita.

Lo stillicidio di vite spezzate si è mutato in disfatta generale su tutti i fronti, per l’inadeguatezza di solidi argini, tutto è diventato difficile come se gli esseri umani, prima increduli, poi attoniti e sgomenti, fossero caduti in una gora stagnante. Poi la reazione e la voglia di riscatto…..

Il COVID-19, in questa folle corsa distruttiva, ha incontrato due suoi cugini, il SARS-COV e il MERS-COV, anch’essi coronavirus, con i quali si è intrattenuto in una discussione di famiglia sulla loro presenza nel mondo.

Successivamente si è incontrato con la “stampa” dei cinque continenti. Il loro incontro è stato illuminante per conoscere meglio il virus, le sue origini e le capacità aggressive.

Conosciamo così un virus più vero, ironico, sarcastico, saggio, ridanciano, dotto, guascone, disposto all’ascolto e alla critica, mai domo.

I teatri sono chiusi, ma noi immaginiamo che un palco si renda disponibile per un attore così importante ed influente e in queste due scene conosciamo la sua marcia, i suoi punti deboli, la voglia di reagire degli umani.

SCENA PRIMA : Dialogo tra virus

Personaggi e interpreti: Covid-19Sars covMers cov

si ritrovano dopo più di 15 anni – sono tutti coronavirus e quindi parenti

COVID 19: (ride, anzi ridacchia, come se volesse canzonare gli altri due parenti, SARS-COV e MERS-COV). Ciao a tutti voi… Vi rivedo con molto piacere… voi cari parenti, siete esplosi infettando alcune aree… Tu, caro SARS-COV, ti sei distinto in Cina nel 2002, e tu, caro MERS-COV, hai preferito i deserti dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi….  Ora siete muti?.. Perchè non si parla di voi?

SARS-COV: Sappiamo, caro parente, perchè anche noi siamo coronavirus, che tu stai dilagando in tutto il globo… Mietendo milioni di vittime, paralizzando ovunque sistemi sanitari ed economici…

MERS-COV: Vedi che noi, caro Covid-19, siamo da quasi 20 anni in piena attività.. e nelle nostre zone di origine e diffusione agiamo in modo subdolo….

SARS-COV: Si subdolo, ma anche apertamente, senza timore di nessuno. La corona la sappiamo portare bene anche noi….. Io ho un indice di letalità del 10%… ti pare poco?  In Cina ho ammazzato 800 persone su 8000 contagiati….

COVID 19: (prorompe in una fragorosa risata che sa di scherno…e poi prosegue quasi sfottendo). Sì Sì …Ma siete rimasti localizzati. Vi è mancato l’ardore di diffondervi velocemente e vi siete fatti scoprire subito… Tu, SARS-COV, da un medico italiano (Carlo Urbani) nel 2003, e tu, MERS-COV, in Arabia nel 2012….. ah..ah..ah

MERS-COV: Ridi, ridi… Ti sei dato, per caso, a laute libagioni?

COVID 19: Non ti preoccupare… non ho bevuto… lo so che l’alcool fa male a noi virus… Rido per quello che dite…

MERS-COV: Ma ti ricordo il verso di un poeta italico, “il tuo riso sia senza cachinno”… non fare lo sguaiato con noi.. anche noi manteniamo la dignità dei coronavirus.. anche noi provochiamo febbre, tosse, dispnea… e morte… Io ho un tasso di mortalità del 30-40%…. ti pare poco?….

SARS-COV: Vedi che anche io sono cinese, vengo da Guandong, e mi sono diffuso in parecchi paesi asiatici portando pure scompiglio e paura… Ah Ah anch’io rido, ma il mio riso è contenuto, non sguaiato come il tuo…

COVID 19: Ma vi volete mettere alla pari con me?… Ah Ah Ah… Io vengo da Wuhan, popolosa città della Cina… e dove c’è confusione io porto lo sterminio… Sconvolgo e travolgo tutto …

MERS-COV: Non pensare che se di noi non si parla tanto, siamo meno presenti….. Io percorro i deserti e le città del medio oriente… Riesco ad infettare persino cammelli e dromedari (anzi dicono che questi siano il mio serbatoio)… Io sono come il ghibli, il vento del deserto che soffia impetuoso e  che sposta e riforma le dune…

SARS-COV: E io sono passato dai carnivori selvatici ai gatti domestici e poi all’uomo.. E questo al mio paese si chiama “zoonosi”, perchè gli agenti infettanti l’uomo sono patogeni zoonotici, cioè di provenienza animale.. Preciso – non “zotici”, ma zoonotici.. Ah.. ah.. ah..

COVID 19: Mostri allegria e te la concedo. Ma vedi che anche su di me si parla di “zoonosi”. Forse non lo ricordi, ma gli umani, sempre curiosi e scientifici (loro si dichiarano figli di Galileo Galilei, quello che ha fondato il metodo scientifico… maledetto lui), hanno riscontrato analogie…

SARS-COV: Forse sarebbe meglio dire “affinità”…

COVID 19: … “affinità” (te lo concedo) tra te, SARS-virus umano e il tuo procugino che convive coi pipistrelli…. anche io, secondo gli umani, avrei fatto il salto di specie… dai pipistrelli o addirittura dai serpenti (di cui si nutrono alcuni cinesi)…

SARS-COV: Lo so, lo so che i pipistrelli (quelli asiatici) sono considerati portatori sani di noi virus.. insomma un serbatoio…

MERS-COV: Appunto come nel mio caso i cammelli, i dromedari o il loro latte crudo sarebbero il serbatoio dei nostri compagni e parenti che fanno un salto di specie andando a infettare l’uomo… Ma è l’uomo che parla di infezione. Noi dobbiamo sopravvivere e quindi qualsiasi organismo vivente per noi va bene, perchè ci consente, con le sue cellule di replicarci rapidamente…

COVID 19:  Certo noi abbiamo affinato le nostre tecniche di moltiplicazione, come sempre hanno fatto gli altri amici virus (anche quelli senza la “corona”). Vi ricordo che gli umani ci scrutano dagli anni ’60 con quella diavoleria di microscopio elettronico… Ci chiamano “coronavirus” perchè nella evoluzione (anche per noi c’è stata l’evoluzione) si è formata una sorta di “corona” intorno al nostro capside virale…

SARS-COV: Grazie alle nostre proteine di superficie (che tutti chiamano spike) abbiamo la capacità di penetrare nelle cellule .. e creare il pandemonio… E per noi, caro cugino, gli umani non sono riusciti a creare validi presidi di difesa… Ah ah…

COVID 19: Ragazzi (permettetemi di chiamarvi così) ora vi debbo salutare .. fra poco ho un appuntamento con i rappresentanti del giornalismo mondiale e voglio dire alcune cosette…. spero di rivedervi…. e buon lavoro a voi….ah ah ah

SCENA SECONDA : intervista al Covid-19

Intervista al covid-19

Personaggi e interpreti:

  • Il virus Covid-19 e i giornalisti di:
  • Europa denominato Europa-Press
  • Asia denominato Asia-Press
  • America denominato America-Press
  • Africa denominato Africa-Press
  • Australia denominato Oceania-Press

Tutti si alzano in piedi e salutano il virus Covid-19 ma mantenendo una giusta distanza.

Virus a confronto in palcoscenico
Photo by Michal Czyz on Unsplash

COVID 19: Buongiorno a voi, signori… state comodi.. completiamo questo incontro al più presto perchè capirete…. io ho altri impegni…

Europa-Press: Perchè non ti riposi un po’…. visto quello che hai combinato in tutto il mondo? Non ti basta avere ucciso più di due milioni di persone,  più di 100 milioni di contagiati, ridotto al collasso intere economie, coinvolto tante nazioni creando un baillamme infinito?..

COVID 19: No, non mi basta…. io per sopravvivere debbo infettare… più infetto, più mi replico e più vivo… Chiunque esista ha diritto di continuare ad esistere … Io faccio parte della vita di questo universo.. materia nella materia, vita nella vita, palpito dell’universo… come voi umani… come il leone e la gazzella… la vipera e il crotalo crestato…. Noi virus esistiamo e non ci chiediamo perchè e da quanto tempo. Molte domande metafisiche ve le ponete voi uomini, interrogandovi anche sul vostro passato. Noi virus ci replichiamo senza sosta, senza arrovellare il nostro genoma con inutili perchè. La nostra avventura è nel perpetuare l’esistenza… Ma anche voi cercate l’immortalità nella specie, non potendola ottenere nei singoli individui. Un vostro poeta, diceva “vivere è un correre alla morte”, noi no… Per noi vivere è continuare a vivere replicandoci…

America-Press: Ma questo è delirio di onnipotenza! Pervicacia di distruzione, ostentazione di capacità infettiva… Va bene che noi americani quando c’è da mostrare i muscoli siamo bravi ed efficienti… ma tu, Covid-19, oltrepassi i limiti della decenza e della moderazione. Negli Stati Uniti hai già provocato più di 400.000 morti e oltre 25 milioni di contagiati..

COVID 19: Decenza? Moderazione? Chiedilo a Trump cosa sono la decenza e la moderazione…ah ah..

Asia-Press:  Ma tu, Covid-19 da dove vieni? In quale area geografica del pianeta Terra hai albergato finora? Perchè in diverse parti del mondo, specie in America ed Europa, dicono che vieni dalla Cina, è vero? O lo dicono per accusare la Cina di nefandezze?

COVID 19: Oh, quanta curiosità! Vi voglio rispondere in tutta onestà. Vi dico che sono buono (è una notizia?), solo che le circostanze mi portano a dare il peggio di me. Ah egregi rappresentanti della stampa, vi posso dire quello che sapete (non per fare il politico). Io provengo da quella terra dalla civiltà millenaria che è la Cina, dalla città di Wuhan nella provincia di Hubei. Conoscete le condizioni di vita di molte di quelle persone; vivono appiccicate le une alle altre ed io ho fatto il salto. Volete sapere se fossero i pipistrelli o i serpenti il serbatoio dove vivevo e da cui sono passato all’uomo? Se sono uscito dal laboratorio? Avete i mezzi per scoprirlo…. voglio lasciarvi nel mistero…. Ah ah….

Dalla Cina mi son trasferito in Italia e gli italiani, popolo di santi, poeti, navigatori, hanno individuato persino il giorno del mio arrivo: 30 gennaio 2020!!! (secondo me hanno fatto male i conti….c’ero da prima) Mah… E poi sono andato in giro per il mondo viaggiando gratis, come vostro ospite. Sono diventato famoso, anzi famosissimo… Ogni giorno parlate di me su tutti i media ahaha..

Europa-Press: Perchè ridi?

COVID 19: Rido perchè ho lanciato anche una moda……

Europa-Press: E che moda?

COVID 19: Quella delle mascherine… Se ne vedono di tutti i colori. E’ un vero carnevale Ah ah ah E quelli che non la indossano sono più esposti al contagio e non vogliono capirlo …. meglio per me, di certo. Voi le conoscete quelle brave teste… d’uovo..

Africa-Press: E’ inutile che sghignazzi. Ti sei diffuso anche in Africa, fino all’estremo sud, provocando danni anche nelle nostre zone già povere. Inoltre hai creato una variante… La maledetta variante sud-africana

COVID 19: Ma io vado dovunque, perchè viaggio con voi. E durante la replicazione vi possono essere piccoli o grandi errori (sarà la fretta?). Io sono sempre lo stesso ma a volte un po’ diverso…. Aliusque et idem (per dirla in latino) ah ah.

Oceania-Press: Non puoi negare di aver determinato scompiglio, danni economici disastrosi, danni alla salute con numerosissimi morti… povertà aumentata… Hai prodotto una sindemia-pandemia, lasciando tutti in profonda costernazione.

COVID 19: Ma voi eravate impreparati ad affrontare l’emergenza! Dove sono i vostri piani pandemici? I vostri stati e regioni efficienti? Ah.. i vostri esperti, seppure bravi, erano molto confusi e avanzavano proposte contraddittorie …. siete diventati tutti virologi. Ah ah ah avete voi stessi riconosciuto che il numero degli esperti aveva superato quello dei contagiati……

Europa-Press: E’ vero che la globalizzazione in economia ha generato la facilità di contagi interumani. Ci hai costretto a indossare la mascherina perchè sei presente nelle goccioline di saliva (droplets, per te che sei poliglotta) e degli starnuti. Hai cambiato il nostro modo di vivere.

Per colpa tua in molte nazioni sono stati diffusi bollettini di guerra terrificanti sulle migliaia di “ombre” che danzavano meste in un inarrestabile stillicidio….

COVID 19: Calma, calma. Grazie a me, voi umani, avete imparato a lavarvi le mani… Altro che Ponzio Pilato ah ah ah.

Europa-Press: E poi era indispensabile causare, fra gli altri sintomi della malattia, anche l’ageusia e l’anosmia (perdite del gusto e dell’olfatto)?

America-Press: Tu non hai avuto rispetto neppure per i potenti della Terra, Trump, Bolsonaro, Johnson…… – per non parlare di Berli, Bria, Berlusca e Berluschini…. credo tutti multi-billionaire….

COVID 19: Guardate che io sono un virus democratico… per replicarmi mi lego e penetro in qualsiasi cellula buccale, nasale e oculare. Quindi non guardo se gli individui sono ricchi o poveri, sono un vero democratico. E voi quando vi decidete a considerare il degrado e lo sfruttamento dell’ambiente che voi stessi provocate? Oppure la sciatteria con cui trattate il pianeta? E’ innegabile!…. Naturalmente è meglio per me che sia così ah ah ah

Asia-Press: Ma lì a Wuhan, hanno risolto il problema con metodi drastici….  Ora anche col vaccino cinese, che quella nazione (oggi molto competitiva) ha approntato.

Africa-Press: Si, vero…. I vaccini…

COVID 19: Sentite… ancora non volete accettare l’idea che quello che faccio non lo faccio perchè sono malvagio… E’ la mia natura di virus, la mia indole inalienabile… è nel mio DNA… mi correggo nel mio RNA… Vivo attaccando le cellule. Ma sono presente nell’aria, nel vento, resisto per ore sopra le cose. Sono materia vivente. Io debbo vivere… Faccio parte del ritmo dell’universo. Non pensate di liberarvi di me molto presto. Appartengo alla famiglia dei coronavirus… mica scherziamo.

Oceania-Press: Ti sconfiggeremo … rassegnati, stanno arrivando anche gli anticorpi monoclonali!

COVID 19: Ah! mi sconfiggerete? Ne passerà di tempo e anche se utilizzerete solo un pezzetto del mio RNA per produrre il vaccino capace di stimolare il sistema immunitario, io continuerò a stare in mezzo a voi, a infastidirvi, mi attaccherò ai vestiti, agli oggetti che usate …… e dovrete temermi.

Europa-Press: Noi, che non siamo “gregge”, ma popolo, comunità, ti aggrediremo modificando gli spike della tua corona per impedire che ti attacchi alle nostre cellule.

COVID 19: E io, come già sapete, mentre mi replico, muto qualche sequenza del mio RNA/mRNA e produco mutanti più forti…  più contagiosi, quelle che voi chiamate “varianti” (inglese, brasiliana, sudafricana). Io replicandomi a spese vostre mi perfeziono e le mie mutazioni diventano sempre più insidiose… Io corro e non perdo tempo. Vi costringerò a spese enormi, per produrre il vaccino, per commercializzarlo…. Così i paesi ricchi si riprendono la rivincita sui paesi poveri con l’incetta dei vaccini… Ah Ah Ah

America-Press: Se tu produci varianti, e come mostri ti muovi bene, noi adegueremo i vaccini alla nuova situazione… Il tuo RNA è un codice. Basta cambiare una lettera del tuo singolo filamento e si ha il vaccino nuovo, sicuro, immunogenico, che abbatterà la tua circolazione, perchè avremo raggiunto l’immunità di comunità, ricordalo… Questa battaglia la vinceremo noi umani…..

COVID 19: Voi americani – tronfi dei vostri successi, ma incapaci di risolvere i problemi che il sistema produce, e voi tutti – uomini sempre in guerra o in astio coi vostri vicini, incuranti dei danni ambientali che producete, non vi arrendete facilmente, lo so… Ma io, muovendomi in mezzo a voi continuerò a creare fastidi…. Non per cattiveria innata, ma per la mia natura di virus… Vi saluto ah ah ah

Cala la tela ed il virus esce di scena….. Ci saranno altre puntate di questo serial?

Virus a confronto in palcoscenico
Tagged on:         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.